BIBLIOTECA

Genshin Impact | La volpe nel mare del dente di leone (XI)

Riassunto

Dente di leone, dente di leone, cavalca il vento verso una terra lontana $ 0027, cantano le volpi. Un'indimenticabile fiaba di Mondstadt su un cacciatore e una volpe. The Fox in the Dandelion Sea, l'ultima puntata.

Contenuto del libro

Ho iniziato a sentire che qualcosa non andava, e poi mi sono reso conto che mi ero trasformato in un seme di dente di leone.

Sebbene volessi protestare, il dente di leone non aveva né una bocca né una lingua per farmi emettere un suono. Tutto quello che poteva fare era guardare impotente mentre il gigante raccoglieva delicatamente la pianta del dente di leone da terra e la teneva tra il pollice e l'indice.

"Dente di leone, dente di leone, cavalca il vento verso una terra lontana."

La volpe ha cantato.

E poi con un soffio, i semi del dente di leone hanno cominciato a danzare nell'aria. Sono stato preso da una tempesta e mi ha portato in un cielo lontano. Il vortice mi ha fatto girare la testa. Quegli occhi che scintillavano come pietre preziose nel lago stavano rapidamente scomparendo. Mentre cadevo nell'incoscienza, ho sentito la sua voce un'ultima volta prima che anche lei scomparisse. Stava esprimendo un desiderio.

Oh Anemo Archon, ti prego di renderci umani! Perché solo così saremo al sicuro dagli archi e dai coltelli da caccia degli umani ".

... ...

Quando mi sono svegliato, mi sono ritrovato nella foresta dietro il mio villaggio. La foresta era piena di alberi rigogliosi e al centro della foresta c'era un piccolo lago. Il lago era come le vetrate colorate della cattedrale di Mondstadt: limpido e luminoso alla luce del sole. Il sole splendeva tra le foglie e brillava sulla superficie dell'acqua come frammenti di pietre preziose. È stato davvero qualcosa.

Quel giorno il tempo era fresco. Stavo cacciando nella foresta quando sono arrivato al lago… l'acqua frizzante in qualche modo mi ha ricordato una ragazza che amavo tanto tempo fa. Non ricordavo molto di lei, ma sentivo che i suoi occhi dovevano assomigliare al lago, splendenti come se avessero frammenti di pietre preziose. Hmm. Immagino di essermi perso nei miei pensieri e di essermi addormentato guardando il lago scintillante.

Nessuna voce trovata.

Pubblicazioni correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Torna all'inizio pulsante